Cosa fare

A pochi km dal B&B Bellevue si trovano numerosi percorsi ciclabili per gli amanti della mountain bike e del trekking, ippovie, e piste di sci di fondo e da discesa (tra cui Pila e Courmayeur).

I Castelli:

Per gli amanti della storia e della cultura, immancabili le visite ai numerosi castelli presenti nell’area circostante. A partire dal Castello reale di Sarre, che fu edificato intorno al 1242, da Giacomo di Bard, fondatore della casata di Sarre, per poi passare, dopo numerose vicissitudini, nelle mani dei Savoia che lo trasformarono in una dimora dove soggiornare durante le loro battute di caccia, fino al 1989, anno in cui viene rilevato dalla Regione. Oggi il Castello reale di Sarre è un museo di trofei venatori, cimeli, ritratti, oggetti preziosi e arredamenti posseduti dalla monarchia italiana. Da non perdere, inoltre, il Castello di Aymavilles, il Castello di Saint-Pierre e il Castello di Fénis. Quest’ultimo, situato nell’omonimo comune, è uno dei più famosi manieri medievali della Valle d’Aosta. Noto per la sua architettura scenografica (è stato anche scelto come location per diversi film), con la doppia cinta muraria merlata che racchiude l’edificio centrale e le numerose torri, il castello è una delle maggiori attrazioni turistiche della Valle, nonché uno dei castelli medievali meglio conservati in Italia.

I vigneti

Gli amanti dei vini non possono non visitare Aymavilles, denominata anche “città del vino” e situata sulla “route des vins”. Numerose le aziende e le cantine dove degustare il vino prodotto in un territorio particolarmente adatto alla cultura delle vite, eppure non ancora sufficientemente conosciuto.

Cogne e il Gran Paradiso

A circa venti chilometri dal B&B, si trova Cogne, il comune più esteso e uno dei più antichi della Valle d’Aosta, ai piedi del Gran Paradiso e del suo omonimo parco nazionale, affascinante meta sia estiva sia invernale. Il Parco nazionale del Gran Paradiso, il più antico in Italia, è ricco di boschi e di animali selvatici che lo abitano, tra cui marmotte, stambecchi e camosci. Fanno parte della fauna del Gran Paradiso anche numerose specie di volatili: poiane, picchi, cince, pernici bianche, gracchi, sparvieri, astori, allocchi, civette.

Terme e relax

Per chi è alla ricerca di relax e di rigenerarsi… a pochi minuti di auto o di autobus si possono raggiungere le Terme di Pré-Saint-Didier, conosciute sin dall’antichità, in epoca romana. Le sorgenti termali di Pré-Saint-Didier si trovano a monte della confluenza del torrente Verney nella Dora Baltea e sgorgano nella grotta artificiale che si trova alla base dell’Orrido di Pré-Saint-Didier. Sono famose per le proprietà rilassanti, ricostituenti e antireumatiche. Pré-Saint-Didier non è famosa solo per le proprietà delle sue acque, ma anche per la magnifica posizione del paesino, ai piedi del Monte Bianco… Un’alternativa sono le Terme di Saint-Vincent, scoperte nel 1770, che divennero note da subito per le proprietà curative della sua acqua, tanto da essere convenzionate con il servizio sanitario nazionale.

I capolavori architettonici: il Ponte di Pont d’Ael

In un itinerario culturale della Valle d’Aosta non può mancare una visita al Ponte di Pont d’Ael, in prossimità del villaggio di Pont d’Ael, uno dei monumenti romani più affascinanti e meglio conservati; si tratta di un ponte acquedotto costruito sul torrente Grand-Eyvia, in una gola della vallata che sale da Aymavilles verso Cogne; una grandiosa opera in muratura e blocchi di pietra da taglio, alta circa 56 metri e lunga più di 50.

Arrow
Arrow
Il castello di Aymavilles
Slider